viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari concetto universale particolare

Musaba: il coloratissimo parco museo in Calabria.

Hai mai sentito parlare del Musaba ? Il coloratissimo parco-museo di Santa Barbara a Mammola, nel cuore della Locride calabrese e nel parco nazionale dell’Aspromonte. Semplicemente un sogno materializzato da due menti brillanti: gli artisti Nik Spatari e sua moglie Hinske Maas. Un esplosione di colori racchiuso in uno degli spazi espositivi all’aperto più belli d’Europa.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Murales
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Ingresso murales

Nik Spatari e Hinske Maas: il progetto del Musaba, il parco museo

Lui calabrese, lei olandese, entrambi cittadini del mondo, entrambi artisti di fama internazionale. Si conoscono a Parigi negli anni sessanta, per poi trasferirsi a Milano e aprire una galleria d’arte nel quartiere di Brera. Ma è qui, che capiscono che questa città non faceva per loro. È qui che capiscono che devono scappare e trasferirsi altrove. Così decidono di venire in Calabria, nella terra nativa di Nik, una terra in quei tempi, ancora tanto ostile e poco innovativa e avviare qui il loro più grande progetto, un immenso capolavoro.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Parco museo

Nel 1969 acquistano un terreno appena fuori il paesino di Mammola, in provincia di Reggio Calabria. Un luogo aspro ma che ha conosciuto millenni di storia, con tante ville romane sparse un po’ in giro e tanti borghi medievali. Proprio all’interno della proprietà si nasconde un rudere, che ben presto recuperano: il complesso monastico di Santa Barbara.  Quello che Nik vuole è plasmare la sua arte e armonizzarla con le antiche rovine e ci riesce benissimo, tanto da realizzare all’interno di questo monastero, sulle volte della chiesa, la sua opera più importante: il sogno di Giacobbe, detta anche la cappella Sistina calabrese.

Com’è strutturato il parco museo.

Il parco museo di Santa Barbara è suddiviso in tre sezioni.  Appena entri bisogna percorrere un lungo viale cosparso di varie statue tra cui la lucertola, la donna fontana (opera di Stevi Kerwin) e il concetto universale, opera realizzata nel 1983, interamente cosparsa di tasselli di ceramica colorata, oggi simbolo di tutto il parco. Un vero e proprio museo a cielo aperto. Fino a salire in cima alla na, dove si intravede il complesso del monastero di Santa Barbara.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Lucertola
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Concetto universale
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba la Bagnante Nik SPtari
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Fontain Jin Jong Chen

Primo complesso: la “rosa dei venti”

È il complesso più giovane costruito dell’intero parco museo, suddiviso in due piani. Sopra la casa privata degli artisti e sotto è stato allestito uno spazio espositivo insieme alla biglietteria. Qui viene raccolta tutta la vita dell’artista e il suo amore per l’arte. È un susseguirsi di opere dove viene raccontata passo-passo la continua evoluzione artistica di Nik. Sculture mosaici dipinti, è una sorta di mausoleo dell’artista e dell’arte contemporanea.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Esterno Rosa dei venti

Il giorno della nostra visita c’era la stessa Hinske Maas ad accoglierci, con le sue buffe codine e un gran sorriso stampato in viso, chiedendoci da dove venivamo. Peccato non esserci stati tempo prima, quando ad accoglierci ci sarebbe stato anche Nik.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatariinterno Rosa dei Venti
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Rosa dei Venti Monastero Santa Barbara

Secondo complesso: il complesso di Santa Barbara e la cappella Sistina calabrese

Opera indiscussa di tutto il Musaba è senza dubbio il sogno di Giacobbe, realizzata nei primi anni ’90, dedicata a Tommaso Campanella e a Michelangelo. È il motivo principale per cui si deve venire a visitare il parco museo. 

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Rudere Monastero Santa Barbara

Nik ha realizzato quest’opera sulle volte, all’interno della chiesa. Ci troviamo di fronte ad una tecnica innovativa per l’arte contemporanea. Una sorta di affresco tridimensionale, con sagome di legno leggerissime dipinte e poi attaccate sulle superfici della chiesa. Entrare nella chiesa ed ammirare quest’opera significa entrare nella mente dell’artista. La musica in sottofondo, le vetrate colorate che traspaiono una luce intensamente calda fanno sì di creare una connessione, un ponte immaginario, tra noi osservatori, l’opera e l’artista stesso. È l’esempio più grande dell’evoluzione artistica dell’artista e lo ha regalato a noi tutti e soprattutto alla Calabria, la sua terra.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari il sogno di Giacobbbe volta cappella Sistina Calabrese
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari il sogno di Giacobbbe volta cappella Sistina Calabrese
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari tecnica cappella Sistina
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari il sogno di Giacobbe Monastero Santa Barbara

Terzo complesso: la foresteria e il complesso dei mosaici

Appena si arriva sulla collina del monastero non può non cadere l’occhio sul complesso della foresteria.  È un susseguirsi di piccole abitazioni unite tra loro da un unico tetto coloratissimo in mosaico, fino a formare un chiostro triangolare.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Mosaici Foresteria Tetti
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari la Foresteria

Questa zona fu realizzata negli anni 2000, come laboratorio didattico di Nik e residenza per accogliere i giovani artisti di tutti il mondo, imparando attraverso i corsi dell’artista le varie tecniche del mosaico e portando avanti il progetto del Musaba.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Mosaico Atrio
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Mosaico Foresteria

Intorno al chiostro si possono ammirare 1000 metri quadrati di mosaici, che raccontano le storie del vecchio e del nuovo testamento.  Anche qui è un esplosione di colori, accostando ogni singolo e piccolissimo tassello uno di fianco all’altro.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Foresteria Mosaici arca di Noe
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Mosaici Foresteria

 Nik con questi mosaici vuole omaggiare la Calabria come terra di millenni di storia e terra di incontri di tante popolazioni. Al centro dell’atrio è posizionata la statua “ombra della sera”, alta ben 15 metri, è la sagoma di un uomo ispirandosi a un bronzetto etrusco.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Foresteria Mosaici L'uomo ombra
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Mosaci atrio Foresteria

Il Musaba: come arrivare al parco museo

Se ti trovi sull’autostrada A2 basta uscire a Rosarno e prendere la strada della Limina.  Limina è una di quelle strade che collegano i due mari calabri, il Tirreno e lo Ionio. Un’ampia strada un po’ grigia, ma che collega queste due meraviglie. È proprio da questa strada che si affievolisce il grigiore dell’asfalto per dare spazio al parco museo di Nik e il suo arcobaleno di colori.

Basta uscire direttamente all’uscita Mammola e procedere per le indicazioni “Musaba”, situato appena fuori il paese.

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Stazione Santa Barbara foresteria
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari Stazione Santa Barbara

Orari e prezzo del biglietto del parco museo Musaba

Il Musaba è sempre aperto, tutti i giorni della settimana. Ma con orari diversi in base alla stagione. Dal 1 settembre al 30 aprile è aperto dalle 9 alla 14, invece dal 1 aprile al 30 agosto è aperto dalle 9 alle 18.

Il biglietto del museo ha un costo di 10 euro ad adulto per entrare in tutte e tre le zone, i bambini fino a 6 anni non pagano invece i ragazzi dai 7 ai 15 anni paga 5 euro. Si possono fare delle visite guidate di gruppo a un costo di 15 euro. Se vuoi maggiori info collegati al sito ufficiale:

www.musaba.org

viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari foresteria
viagginvaligia Calabria Mammola Musaba Nik Spatari foresteria interno parco mosaico

Il parco museo di Santa Barbara è un progetto sempre “in progress”, un luogo in eterno movimento ed evoluzione, anche dopo la morte dello stesso Nik. Un patrimonio artistico e architettonico lasciato in eredita alla sua terra, perché Nik amava questi luoghi e la Calabria dovrà eternamente essere fiera di suo figlio Nik: un artista di fama internazionale che ha affrontato ogni avversità per realizzare i suoi sogni proprio qui e rimanendoci per il resto della sua vita.

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividici sui tuoi social

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su google

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.